In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra. Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie

Ok

Si racconta che a Palermo, intorno all’anno 1100 durante il periodo della dominazione dei mori in Sicilia alla Kalsa, nel bellissimo quartiere arabo ‘Al Hâlisah, dove un tempo soggiornava il sultano, in un palazzo viveva una bellissima fanciulla che amava passare le proprie giornate a curare i fiori e le piante del suo balcone.

Un giorno passando per la Kalsa un giovane moro, vide la bella ragazza, intenta a curare le piante, ne rimase invaghito, decise di volerla per se, senza indugio entrò in casa della ragazza e le dichiarò il suo amore. La fanciulla, colpita da tanto sentimento, ricambiò l’amore del giovane che non si era fatto scrupolo alcuno nell'abbandonarsi alle più dolci profusioni amorose; ma il giovane, in cuor suo, celava un gravoso segreto: Moglie e figli lo attendevano in Oriente, in quella terra nella quale egli doveva fare ora ritorno.

La Fanciulla amareggiata per quell'amore tradito, fu colta da un’ira funesta che la spinse inesorabilmente ad imboccare la strada della vendetta. Attese le tenebre e non appena esso si addormentò lo uccise; il moro così, che l’aveva amata e che si accingeva a partire, ora non l’avrebbe più abbandonata. La fanciulla inoltre decise che il volto di quel giovane, a lei eppur caro, sarebbe dovuto rimanere al suo fianco per sempre, perciò senza esitazione tagliò la testa del giovane creando con essa un oggetto simile a un vaso, e vi pose all'interno un germoglio di basilico.

La scelta di piantarvi del basilico fu sancita dal fatto che, come ella ben sapeva, questa odorosa pianta (dal greco “Basileus – Re“), si accompagna da sempre a un’aura di sacralità, rappresentando difatti l’erba dei sovrani; in tal modo, nonostante il terribile atto compiuto, ella perseguiva il dissennato amorevole fine di continuare a prendersi cura del suo adorato.

Depose infine la testa sul suo balcone, dedicando ogni dì alla cura del basilico che in essa cresceva. Ogni giorno le lacrime della giovane bagnavano la pianta regale, che cresceva divenendo sempre più florida e rigogliosa.

I vicini, pervasi dal profumo del basilico e guardando con invidia la pianta che maturava in quel particolare vaso a forma di Testa di Moro, si fecero realizzare vasi in terracotta che riproponevano le stesse fattezze di quello amorevolmente custodito dalla fanciulla.

Oggi ogni Testa di Moro che viene prodotta reca una corona, un elemento sempre presente volto a riproporre la regale pianta che originariamente impreziosiva la testa del giovane Moro protagonista della triste vicenda.